Saturnia e le Terme

Saturnia sorge nell’entroterra collinare della Maremma Toscana, su di una vetta che sovrasta le famose sorgenti termali. La località si sviluppò in epoca romana, lungo la Via Clodia nei dintorni della necropoli etrusca di Pian D’Alma, dell’antica via consolare rimangono però solo alcune pietre  conservate presso Porta Romana.

Durante  Medioevo il caratteristico aspetto di questo luogo, dovuto al vapore acqueo, al calore sprigionato e all’odore di zolfo, favorirono  molte leggende, si raccontava  che il diavolo uscisse da qui quando lasciava gli inferi. Il territorio veniva descritto come un luogo in cui zampillavano acque stregate, che andavano a depositarsi in pozze fumanti e bollenti, diffondendo nell’aria un acuto odore satanico. Le cronache del tempo ricordano convegni di maghi e di streghe, sortilegi e riti sabbatici.

Le terme di Saturnia sono costituite da un’ insieme di sorgenti termali ubicate nel comune di Manciano a pochi chilometri dall’omonima città. Secondo una leggenda , le terme già note a Etruschi e Romani, avrebbero avuto origine nel punto in cui cadde il fulmine che Giove  scagliò contro Saturno dopo un violento litigio.
Dal punto di vista scientifico la composizione di quest’acqua  racchiude il segreto delle proprietà terapeutiche per la pelle, l’apparato respiratorio e quello  muscolo-scheletrico. Le cascate principali sono le Cascate del Mulino e le Cascate del Gorello.